Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di febbraio 2, 2018

I sonetti romani,Romanamente

2 febbraio 2018

La Cannelora

La Cannelora

***

Da quanno ch’ero un pupo che lo sento,

ner giorno esatto de la Cannelora,

er detto “de l’inverno semo fora”

si ce sta er sole e no la pioggia e er vento.

***

Ma come a trasformà er libbeccio in bora,

tanto pe dà un’idea de cambiamento,

se dice mó, co un artro intennimento,

che, si c’è er sole, er freddo dura ancora.

***

È pure vero che ’sto tempo è vario:

estate, autunno, inverno e primavera,

sò cose fatte più p’er calennario.

 ***

’Na cosa c’è, ch’è certo che s’avvera:

’gni inverno tira giù tènne e sipario

er 20 marzo e, quinni, aspetta e spera !!!

***

Stefano Agostino

___________________________

***