Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di febbraio 4, 2018

La Roma in rima,Stagione 2017-18

4 febbraio 2018

Verona – Roma

Verona – Roma: 0-1

***

E s’aritorna a vince ‘na partita,

‘na senzazzione de vecchia memoria,

tre punti e risalì la graduatoria,

‘na cosa che sembrava fusse ita.

***

Invece come pe cambià la storia

cor go’ de Under … e co quarche smartita,

da quer principio fin’a ch’è finita,

la Roma vince e nun sia vanagloria.

***

Che sia l’inizzio de un novo percorzo,

er passo che serviva com’er pane

pe aricomincià da l’anno scorzo …

***

… quer passo ch’è da granni squadre sane

e che vor dì, in un unico discorzo,

tornà lassù ner tempo che arimane.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “la socera de Pietro”

Dar Vangelo der giorno: “la socera de Pietro”

***

Gesù, inzieme co Giacomo e Giovanni,

annò da Pietro e dar fratello Andrea,

‘ndó c’era a casa, co la febbre rea,

la socera de Pietro a sudà panni.

***

Gesù, de cui se sparze la nomea,

la vide e je curò tutti l’affanni,

la febbre la lassò, lei, senza inganni,

prese a servì quell’ospiti che avea.

***

Così che venne a Lui un sacco de gente,

malata e indemognata, ma sicura,

d’annà a guarì dar morbo, immantinente.

***

Fin’ar matino dopo quanno: “È  dura”,

disse lassanno er popolo accorente,

“ma devo portà a artri la Mia cura”.

***

 Stefano Agostino

____________________________

***