Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di febbraio 6, 2018

I sonetti romani,Romanamente

6 febbraio 2018

Sanremo

Sanremo

***

P’uscì dar quadro de Romolo e Remo,

ché er fiume prima o dopo sfocia in mare,

senza sortì dar monno popolare,

tocca conziderà che c’è “Sanremo”.

***

Er Festival che a la fine, pare,

cià un pubbrico che a raggionà a l’estremo,

è anche di chi te dice: “E che so’ scemo?”,

Io nun l’ho visto”, ma sa purci e tare.

***

Er fatto è che fa parte de la storia

e ciaricconta in fonno ‘sta nazzione,

a cui je presta un pezzo de memoria.

***

Così se pò parlà, a torto o a raggione,

 de pàrco, inviti, orchestra e graduatoria,

e de che artro?  Già … de la canzone.

***

Stefano Agostino

______________________

***