Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di febbraio 13, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

13 febbraio 2018

Maschere

Maschere

***

C’è chi se maschera ch’è Carnevale,

pe figurasse un artro un quarche giorno,

senz’artri scopi, che nun sia er ritorno

de fasse ’na risata conviviale.

***

C’è invece chi, e ce n’ho tanti attorno,

vo’ vive mascherato ner reale,

sintonizzato sempre sur canale

de la finzione, come in un firm porno.

***

E nun m’ariferisco a fà er bon viso

che tocca mette ar gioco si è cattivo,

ma a tutto un artro tipo de soriso.

***

De chi cià cento facce e un suo motivo,

pe stà a annisconne quella sua, diviso

tra er fatto de sapé si è morto o vivo.

**

Stefano Agostino

__________________________

***