Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di marzo 5, 2018

I sonetti romani,Romanamente

5 marzo 2018

Gnente giochetti

Gnente giochetti

***

Che nun se faccia er solito giochetto

de ‘mpapocchià l’esito elettorale,

co le maggìè de fama nazzionale

pe ariggirà ‘sto voto e ‘gni suo effetto.

***

Che nun se faccia crede naturale

che chi ha stravinto e er popolo l’ha eletto,

(ché solo questo è stato poi er verdetto),

nun viè chiamato poi dar Quirinale.

***

Ché nun ce se cojoni co l’Europa

co coalizzioni assurde e larghe intese

co chi ce inciucia pure a giocà a scopa.

***

Ché l’italiani sanno èsse boni

ma nun ce stanno più a pagà le spese,

e se sò rotti tutti li cojoni.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Ciao Davide

Ciao Davide

***

Ancora nun lo riesco manco a crede

che un battito de cija e sei volato

in Cèlo, come un soffio, via, lanciato

su un campo dove nun te se pò véde.

***

Come pò èsse? E qui me manca er fiato,

e le parole tutt’a un tratto a cede

er posto a quer silenzio che te chiede

chissà mó ‘ndó starai, su quale prato?

***

Penzo a chi lassi soli, donna e fìa,

parenti, amici e l’artri giocatori,

a cui j’hai torto qui la compagnia.

***

Ma poi vojo penzà a quer tuo soriso,

li go’ che segnerai e a come córi,

a abbraccicà tifosi in Paradiso.

***

Stefano Agostino

_________________________

***