Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di marzo 12, 2018

I sonetti romani,Romanamente

12 marzo 2018

Ar centro de l’univerzo

Ar centro de l’univerzo

***

Copernico, poraccio, e Galileo,

quali rivoluzzioni e che teorie,

ma quale scènze, quali astronomie,

che giro intorno ar Sole, ch’è un corteo?

***

Sei arivato tu, che ciài manie

de gran protagonismo, da babbeo,

penzi che l’univerzo sia un rodeo,

che gira intorno a te e a le tue vie. 

***

Lo dico veramente, me dispiace,

ner cosmo c’è quarcosa,  (che afflizzione),

 ch’è più granne de te, mettete in pace.

***

 E visto ch’è così, nun è oppignone,  

sarebbe er caso, si ne sei capace,

che prima o poi te ne fai ‘na raggione.

***

Stefano Agostino

____________________________

***