Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di aprile, 2018

I sonetti romani,Romanamente

30 aprile 2018

Un lunedì diverzo

Un lunedì diverzo

***

C’è quarche lunedì, ma è un fatto raro,

ortre ovviamente a quello de Pasquetta,

che nun è come l’artri, ‘na disdetta,

anzi simmai è un giorno lieto e caro.

***

Succede come quanno ‘na bolletta

cià quarche storno e er conto è meno amaro,

è lunedì, ma a dillo un po’ è da baro,

essennoce ‘na festa ch’è in scaletta.

***

Così che invece d’èsse ‘na sciagura,

come j’è propio a inizzio settimana,

cambia la faccia, cambia la natura.

***

Perciò, quanno che capita, che spiana

tutta la settimana è meno dura,

comincia mejo e già ‘gni marcia ingrana.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 aprile 2018

Dar Vangelo der giorno: “Io so’ la vite e voi li trarci”

Dar Vangelo der giorno: “Io so’ la vite e voi li trarci”

***

“Io so’ la vite e voi li trarci appesi”,

così a li discepoli je disse,

“stampateve ‘ste Mie parole fisse:

dovete da dà frutti e frutti resi.

***

Un trarcio che nun cià rese prefisse,

viè senza tanti giri sottintesi

tajato via si passeno li mesi,

e nun produce e famo qui a capisse …

***

… si rimanete in Me portate frutto,

e ve se pota come se fa ar ramo

perché rènna deppiù e quest’è tutto.

***

Si rimanete in Me, Io che ve amo,

nessuno fra de voi verà distrutto,

quer che chiedete, avrete, ar Mio richiamo”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2017-18

28 aprile 2018

Roma – Chievo

Roma – Chievo: 4-1

***

Er poker de la Roma a fà quaterna,

pe ‘na vittoria bella e assai rotonna,

che sur due a zero un’artro po’ e se sfonna,

co quer rigore dato da la terna.

***

Er primo, Schick, poi Dzeko, granne sponna,

poi Alisson che para a fà lanterna,

er Faraone, Dzeko e er Chievo ‘nverna

prima der quattro a uno che nun sfronna.

***

Tre punti a proseguì er cammino certo

der terzo posto, obbiettivo vero

più de ‘gni artro e da mette ar coperto.

***

Bottino pieno è tutto e er più sincero

modo pe conquistà, pure sofferto,

‘gni ber traguardo, anche si stragnero.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

Parlament…accivostra

Parlament…accivostra

***

Ner mentre ce se scanna in Parlamento,

tra un questo, un quello e un quell’artro ancora,

pe importronasse er culo a la bonora,

tra un questo, un quello e un artro schieramento …

***

… intanto ‘sto Paese nun riaffiora,

ché si nun cambia (e quanno cambia) er vento,

ner mentre questi penzeno ar “per cento”,

qui se finisce tutti assai in malora.

***

“Io vojo governà e fàllo uguale, 

abbasta conzervà seggio e salario,

sai chemmefrega er dato elettorale?”.

***

De fronte a ‘st’ammucchiata e a ‘sto scenario,

c’è er popolo che come sempre vale,

fin’a che vota, dopo è un sanitario.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

27 aprile 2018

Stallo

Stallo

***

Chissà come se n’esce da ‘sto stallo,

‘na situazzione che nun cià ‘no sbocco,

formà un Governo che va già in blocco,

co chi dovrebbe invece prenne e fàllo.

***

Pe due che sò d’accordo co ‘no schiocco

ce stanno tutti l’artri a contrastallo,

pe cui come che andrà è più de un giallo,

tra chi vorebbe fà e chi fa arocco.

***

In tutto questo se cancella er voto

de chi voleva un vero cambiamento,

si invece poi s’aripropone er noto …

***

… solite facce, solito annamento,

solo un po’ più sbiadite ne le foto,

… ner popolo poi nasce er marcontento.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

26 aprile 2018

Fà er ponte

fà er ponte

Fà er ponte

******

Che bello quanno ariesce de fà un ponte,

mortiplicà le ferie e le vacanze,

un modo d’accorcià tempo e distanze,

tra tera, cèlo, mare e orizzonte.

***

È er coridoio in mezzo fra du’ stanze,

traghetto pe du’ feste e un po’ Caronte,

c’è sempre chi se tiè le cose pronte,

pe scappà via e sfruttà le circostanze.

***

Tra questi, c’è quarcuno eccezzionale,

ch’è in grado, tra le artre cento imprese,

de allungà le ferie sur feriale.

***

Ar punto che nun desta più sorprese,

si prenne un ponte tra Pasqua e Natale,

e torna dopo un anno e quarche mese.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2017-18

24 aprile 2018

Liverpool – Roma C.L.

Liverpool – Roma: 5-2

***

Nun se pò nun penzà a ‘na rimonta,

dopo ‘sti due golletti sarva-faccia,

era disfatta, era figuraccia,

adesso è ‘na sconfitta che nun smonta.

***

Se sa, ce vò un’impresa che la scaccia,

ma c’è riuscita una e questo conta,

armeno c’è partita e la si affronta

ancora pe giocalla su ‘sta traccia.

***

E com’è stato già p’er Barcellona,

ce s’ha da crede tutti, fin’a la fine,

hai visto mai che sia l’annata bona.

***

C’è da provacce e fàllo tutti assieme,

buttanno er còre ortre ‘gni confine,

nun c’è nemico che ‘sta Roma teme.

***

Stefano Agostino

***