Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di aprile 1, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

1 aprile 2018

Dar Vangelo der giorno: “Pietro e Giovanni corzero ar Seporcro”

Dar Vangelo der giorno:

“Pietro e Giovanni corzero ar Seporcro”

***

Maria de Magdala, de bon mattino,

annò ar Seporcro, ma se diede aresto

quanno vide la pietra, ar bujo pesto,

era de lato, ar tumulo, vicino. 

***

Corze da Pietro e da Giovanni: “Presto”,

venite hanno portato via er Divino”,

Giovanni più de fretta, arivò inzino,

a l’uscio de la tomba, ancora mesto.

***

Pietro, che giunze giusto poco dopo,

pe primo entrò ar Seporcro vòto e er Telo

lo vide aripiegato, nun più a l’uopo.

***

Giovanni entrò anche lui e ebbe misura,

de fronte a quela scena e a quer gran Velo,

d’avé compreso, allora, la Scrittura.

  ***

Stefano Agostino

______________________________

***