Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di aprile 3, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

3 aprile 2018

Me so’ stancato

Me so’ stancato

***

Me so’ stancato d’essece pe tutti,

de dì de sì a chiunque a ‘gni occasione,

pe poi fà la figura der cojone,

quanno che serve a me, in momenti brutti.

***

Me so’ stufato de sta a fà er saccone,

appeso a le palestre, che se sfrutti

solo a pià cazzotti e poi se butti

quanno s’abbozza o sta a fine lezzione.

***

Me so’ strarotto de penzà a chiunque,

ma de riceve solo carci in faccia,

quanno che, strigni strigni, se va ar dunque.

***

Perciò da oggi che, piaccia o nun piaccia,

io ce sarò solo pe chi, comunque,

l’apprezzerà, de l’artri perdo traccia.

 ***

Stefano Agostino

_____________________________

***