Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di aprile 7, 2018

La Roma in rima,Stagione 2017-18

7 aprile 2018

Roma – Fiorentina

Roma – Fiorentina: 0-2

***

Stavorta nun c’è giustificazzione,

pe ‘na sconfitta che pò costà cara,

er terzo posto è ‘na merce rara

che pò valé obbiettivo de staggione.

***

E che dopo ‘st’artra sconfitta amara

se mette fortemente in discusione,

ma si nun metti mai dentr’er pallone,

ce penza l’avverzario che ciài in gara.

***

Un anno in cui se fa punti in trasferta,

ma tanti poi li vai a perde in casa,

da che dipenne è cosa arquanto incerta.

***

Se penzi tutti quinni sin da adesso

a onorà la Champions che ce sfasa

e poi de vince l’artre gare appresso.

***

Stefano Agostino

***

Poesie romanesche

Trilussa – La calunnia

La calunnia

***

Da una brutta catapecchia / che se specchia drento ar fiume /

ogni notte c’è una Vecchia / ch’esce fòra co un lume. /

È una strega co ‘na mucchia / de sbognòccoli sur naso, /

e tre denti nati a caso / che j’ariveno a la scucchia. /

***

D’anniscosto de la gente / piano piano se stracina /

su lo sbocco puzzolente / de ‘na chiavica vicina, /

pija un sasso eppoi ce scrive / co la punta der cortello /

l’improperie più cattive / contro questo e contro quello. /

***

E la Vecchia dispettosa / soddisfatta de la cosa, /

detto fatto butta er sasso / drento l’acqua mollacciosa. /

L’improperia cala a fonno, / ma a fior d’acqua, piano piano, /

sparge in giro un cerchio tonno / che s’allarga e va lontano … /

***

Va lontano e, mentre pare / che se sperde e se finisce, /

zitto zitto ariva ar mare / e lì eccome si corpisce. /

Chi direbbe che ‘sta Vecchia / fa ‘sta brutta professione /

pe servì tante perzone / che je soffieno a l’orecchia?

***

Quanta gente, che c’è amica / je darà l’ordinazzione.

***

Trilussa

___________________________

***