Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di aprile 8, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

8 aprile 2018

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Tommaso”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Tommaso”

**

Gesù Risorto apparve quela sera,

a loro, li discepoli anniscosti,

je disse: “Pace a voi. Li vostri posti,

sò ar monno a divurgà la Vita Vera.

 ***

Ché lo Spirito Santo v’ha disposti

a perdonà peccati e a dà a chi spera,

Amore e pace a la Mia magnera,

mó annate senza che gnente ve sosti”.

 ***

In quela sera nun c’era Tommaso,

quanno venne a sapé de tutto er fatto,

disse: “Io nun ce credo, manco a naso.

 ***

Si nun lo vedo e nun lo tocco ar tatto,

de tutto questo nun so’ perzuaso”,

Così Gesù lo fece soddisfatto.

***

Tornò che c’era lui e nun a caso,

je disse: “Metti er dito e cor contatto

su le ferite, tocca raso raso”.

***

Tommaso lo sfiorò e disse de un tratto:

“Sei Tu Signore, credo e in Te me baso”,

Gesù arispose: “Credi. E no a contratto”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***