Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di aprile 9, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

9 aprile 2018

Benvenuta Chiara

Benvenuta Chiara

***

Quanno t’ho visto abbraccicà Chiaretta,

spettacolo d’amore, cinto ar petto,

io t’ho arivisto quann’eri un bimbetto

sur passeggino e ar monno dije “aspetta”. 

***

Quer regazzino, l’occhi da furbetto,

è diventato padre, e ‘sta pupetta

che se la tiè su ar còre bella stretta,

è pari a lui quant’a batuffoletto.

***

Co l’occhi schiusi ar monno  che arischiara,

e gnente cià più granne luccichio,

de lei che a ciuccià er latte intanto impara.

***

Regalo che pò solo donà Dio,

pe voi Andrea e Vincy, e er nome è Chiara

de cui me sento ufficiarmente zio.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Pioggia, vento e lunedì

Pioggia, vento e lunedì

***

Vabbè che sei già lunedì matina,

e che solo pe questo caschi male,

ma co la pioggia, er vento e er temporale,

te impegni p’èsse infame da vetrina.

***

‘Na vorta pe ‘gni sette sia normale,

che te presenti senza vasellina,

ma quanno t’accompagna l’acqua fina

sei giusto p’er governo nazzionale.

ééé

Ch’è ladro quanno piove dice er detto

a cui andrebbe aggiunta l’ora tua,

“si è pure lunedì, è un ladro perfetto”.

***

E anche er vento fà sentì la sua,

co pioggia e vento a completà er quadretto,

a lunedì … ma limortaccitua!

 ***

Stefano Agostino

____________________________

***