Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di maggio 2, 2018

La Roma in rima,Stagione 2017-18

2 maggio 2018

Roma – Liverpool C.L.

Roma – Liverpool: 4-2

***

Ho rimannato er Chelsea e mister Conte

a casa co un tre a zero senza storia

ho eliminato pure l’artra scoria

l’Atletico che cambia l’orizzonte.

***

Poi lo Shacktar nun certo senza gloria

e er massimo da arzà in arto la fronte

er Barcellona, che già aveva pronte

finali e coppe da mannà in memoria.

***

So’ arivato a la semifinale,

ch’ho perzo per un go’, uno sortanto,

a dimostrà che quer ch’ho fatto vale.

***

Perciò ringrazzio chi m’ha dato tanto

‘sta Roma dar cammino eccezzionale,

che sempre resterà mio onore e vanto.

 ***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

Er clima stravorto

Er clima stravorto

***

‘Na Primavera ch’è più un mezzo Inverno,

l’Inverno più un Autunno immascherato,

cor freddo ch’è più un fresco ariscallato,

l’Estate ch’è un ber forno acceso a Inferno.

***

Er clima s’è stravorto, scojonato,

da l’omo che l’ha scosso da l’interno,

nun c’è staggione come da Quaderno

der come Dio commanna e ha commannato.

***

Un giorno batti le brocchette e tremi

che pare che ciài er ballo de San Vito

e piove che ce vò la barca a remi.

***

 Er giorno dopo l’afa t’ha sfinito

e sconcallato la pellaccia e temi

che ‘ndó cià casa er diavolo sei ito.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***