Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di maggio 6, 2018

La Roma in rima,Stagione 2017-18

6 maggio 2018

Cagliari – Roma

Cagliari – Roma

***

Era importante vince più der resto,

anche si stanchi e pe quanto tirata,

dopo la gara Champions e com’è annata,

pe stà a evità erori da dissesto.

***

E peffortuna che ce s’è appianata

la gara ar go’ de Under, manifesto

de corpo da bijardo e co quer gesto

così s’è chiusa, senza ‘na frittata.

***

Ce sta da fà sortanto che un passetto,

pe riggiocà la Champions er novo anno,

troppo importante come ‘sto golletto.

***

Speranno de giocà senza l’addanno

de stà a inzeguì l’impresa e in modo retto,

senza né trucco mai, né senza inganno.

****

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “questo è er Mio comannamento”

Dar Vangelo der giorno:

“questo è er Mio comannamento”

***

“Nun c’è amore più granne e più talento

de dà la vita intera pe l’amici”,

disse Gesù, “e voi siate felici

amici Mia e co ‘st’intennimento.

***

Ve chiamo amici e no servi infelici,

e propio questo è er Mio comannamento,

che anche voi v’amiate co ‘st’intento,

 pe davve gioja e nun stà mai nemici.

***

Nun voi a Me, ma Io ho scerto voi,

e quer che viè dar Padre v’ho trasmesso

perché voi uguale lo facciate, poi.

***

Amateve l’un l’artro com’Io stesso

ho fatto, e senza èsse finti eroi,

ma pe dà frutto ar monno e a chi viè appresso.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***