Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di maggio 8, 2018

I sonetti romani,Romanamente

8 maggio 2018

Er regalo che pò donà chiunque

Er regalo che pò donà chiunque

***

Si te se chiede de donà quarcosa

e arisponni: “Cosa? Nun ciò gnente!”,

te dico, amico mio nullatenente,

ciài già un tesoro e pòi donallo a iosa.

***

Prova a arifrette a lavorà de mente,

pòi arigalà ‘na cosa strepitosa,

che vale guasi più de ‘gni artra cosa,

e pòi inzegnà lo stesso a l’artra gente.

***

Nun è moneta, come p’er lavoro,

ma è un regalo che, pòi stà sicuro,

vale quarcosa in più d’argento e oro.

***

E te lo dico adesso p’er futuro,

poi donà er tempo che vale un tesoro,

prezzioso più der diamante più duro.

***

Stefano Agostino

____________________________

***