Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di maggio 9, 2018

I sonetti romani,Romanamente

9 maggio 2018

Vero pericolo

Vero pericolo

***

So’ scemo io che ancora che protesto

quanno che sto in attesa a la fermata

e aspetto er bus più o meno ‘na giornata,

senza che quello arivi e faccia er gesto …

***

… d’aprì le porte,  come a dì chiamata,

e me ce metto ‘gni giorno più presto,

speranno passi er mezzo un po’ più lesto

de ‘na lumaca, quann’è rallentata.

***

Ché visto come sta l’A.T.A.C. adesso

c’è da sperà che nun arivi mai

er mezzo ‘ndó salì e chiede permesso.

***

Qui co ‘st’azzienda che sta tanto a pezzi

er giorno più tranquillo, casomai,

è quanno c’è sciopero de li mezzi.

***

Stefano Agostino

___________________________

***