Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di maggio 10, 2018

I sonetti romani,Tempi d'oggi

10 maggio 2018

Governo Lega-M5S

Governo Lega-M5S

***

Chissà si ce se riesce ne l’intento

de tirà su un Governo verde-oro,

nun è er Brasile, so’ io che coloro

co tinta de la Lega e Movimento.

***

Chissà che dopo mesi de lavoro

conzurtazzioni lunghe a sfinimento,

nun se sia mosso tutto er Parlamento,

pe dà ar Paese un sorzo de decoro.

***

Co un’alleanza Di Maio-Salvini

che sigleno un contratto de Governo,

senza discute e senza fà casini.

***

Pe dimostrà e fàllo da l’interno

che ar di là de giochi da bambini,

vonno sarvà l’Italia da l’inferno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Basta ‘na vocale

Basta ‘na vocale

***

A vorte co ‘na semprice vocale

se aribbarta er senzo a ‘na parola,

ché abbasta de invertinne una sola

p’avé un significato letterale.

***

Esempio che nun ha da èsse scòla,

ma rènne chiaro er cambio ch’è fatale

è dato da la “O” o “U”, a canale,

a un verbo che a seconna attera o vola.

***

Nun è questione frivola e minuta,

anzi simmai fa ‘na perzona accorta

de chi cià intorno, quanno parla o è muta.

***

Infatti ben diverzo è dì “sUpporta”,

che sta a indicà chi te spalleggia e aiuta,

dar cambio a cui je pesi e te “sOpporta”.

***

Stefano Agostino

_____________________

***