Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di maggio 12, 2018

I sonetti romani

12 maggio 2018

Trilussa – Li peccati capitali

trilussa - li peccati capitali

Li peccati capitali

***

AVARIZZIA

Ho conosciuto un vecchio,

ricco, ma avaro: avaro a un punto tale

che guarda li quatrini ne lo specchio,

pe vedè raddioppiato er capitale.

Allora dice: “Quelli li do via,

perchè ce faccio la beneficenza,

ma questi me li tengo, pe prudenza”,

e li ripone ne la scrivania.

***

IRA

Lidia, ch’è nevrastenica, è capace

che quanno liticamo per un gnente,

se dà li pugni in testa, espressamente,

perchè lo sa che questo me dispiace.

Io je dico: “Sta’ bona, amore mio,

che sennò te fai male, core santo”,

ma lei fa peggio infino a tanto

che quarcheduno je ne do pur’io.

***

INVIDIA

Su li stessi scalini de ‘na chiesa,

c’è ‘no sciancato co la bussoletta,

e una vecchia co la mano stesa.

Ogni minuto lo sciancato dice:

Moveteve a pietà de un infelice,

che sò tre giorni che nun ha magnato”,

e la vecchia borbotta: “Esaggerato”.

***

ACCIDIA

In un giardino, un vagabonno dorme,

accucciato pe tera, arinnicchiato,

che manco se distingueno le forme.

Passa una guardia: Ahò – dice – Cammina!

Quello se smucchia e  j’arisponne: Bravo.

Me sveji proprio a tempo, me sognavo,

che stavo a lavorà ne l’officina!

***

Trilussa

***