Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di maggio 13, 2018

La Roma in rima,Stagione 2017-18

13 maggio 2018

Roma – Juventus

Roma – Juventus: 0-0

***

Pari che fa già tanto zero a zero,

è brutto, ma se sa, nun conta gnente,

la Roma in Champions è er fatto seriamente

che vale più de ‘gni artro pe davero.

***

Perciò co ‘sto pareggio c’è sta mente

che porta ortre er match cor bianconero,

che come detto, preso tutto intero,

cià un senzo che comunque è inconcrudente.

***

Pe questo me distraggo e penzo adesso

come se metterà er monno lazziale

domenica che viè, si fa lo stesso.

***

E nun s’ha da scanzà, com’è normale,

quanno che gioca l’inter o co successo

 ritira fòri OOH NOOO si je va male.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: l’Ascenzione

Dar Vangelo der giorno: l’Ascenzione

***

Mancava poco a l’Ascenzione in Cèlo,

quanno Gesù je disse ner saluto,

’na cosa granne a l’urtimo minuto,

che indentro a sé cià er senzo der Vangelo.

***

“Io sargo ar Padre, ma nun vo via muto,

anzi starò co voi fin pelo pelo,

ch’er monno tira giù a sipario er telo,

finirà er tempo co un chi ha avuto, ha avuto.

 ***

Potrete chiede ar Padre, in nome mio,

qualunque cosa, Lui ve darà ascorto,

fidateve e credeteme, so’ er Fìo.

 ***

V’aricordate che Io ero morto,

(no, dico morto ?!?) e Lui, da vero Dio,

er terzo giorno dopo m’ha risorto!”

 ***

Stefano Agostino

_______________________________

***