Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di maggio 17, 2018

I sonetti romani,Romanamente

17 maggio 2018

Er giovedì

Er giovedì

***

Er giovedì, qui a Roma, vor dì gnocchi,

co le patate o cor semolino,

er gusto, intanto, resta sopraffino,

pe panza, gola, naso, bocca e occhi.

 ***

È er giorno che da quanno ch’è matino,

ar mezzo de li dodici rintocchi,

a sera, a cena, a l’ora che t’abbiocchi,

der fine settimana lui è er postino.

 ***

’Na vorta a l’anno se traveste in “grasso”,

quanno che poi, se sa, ’gni scherzo vale,

e un due de picche un giorno pò fà l’asso.

 ***

Prima de Pasqua è “Santo”, e menomale,

ma a chi je piace più er profilo basso,

l’apprezza mejo quanno ch’è normale…

***

Stefano Agostino

_____________________________

***