Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di maggio 20, 2018

La Roma in rima,Stagione 2017-18

20 maggio 2018

Sassuolo – Roma

Sassuolo – Roma: 0-1

***

La Roma vince e batte er Sassuolo

co go’ de Manolas e chiude terza,

pe me ‘sta rima oggi manco sterza

anzi se ‘nchioda qua a ‘sto verzo solo.

***

Perché quer che nun va certo disperza

è un’artra rima su chi tifa a nolo,

quelli che tutto l’anno fanno er volo

pe sta a tifà la squadra a Roma avverza.

***

Quelli de quell’OOH NOOO co l’interisti,

che guarda un po’ stasera tu che jella,

sò propio loro a avelli fatti tristi.

***

E anche ‘st’artr’anno sai che nova bella

ciavranno da gufà noi romanisti,

la storia loro tanto è sempre quella.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

La Pentecoste

La Pentecoste

***

S’udì un rimbombo provenì dar Cèlo,

come spirà de vento tempestoso,

che s’abbatté ’ndó staveno a riposo,

l’Apostoli e Maria, dopo fu er gelo.

 ***

A un tratto un fatto ch’ha der portentoso:

lingue de fiamma su ’gni testa e er velo,

s’annarono a piazzà, grazzie a lo zelo

der Santo Dio e er Suo Spirito glorioso.

 ***

E da quer punto, frutto de quer Segno,

poi preserò a parlà lingue anniscoste,

da ’gni omo conosciute e da ’gni ingegno.

 ***

Parlaveno de Bibbia, senza soste,

der Signore Gesù e der Suo Regno,

ner giorno esatto de la Pentecoste.

***

Stefano Agostino

____________________________

***