Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di giugno 2, 2018

I sonetti romani,Romanamente

2 giugno 2018

2.6.18 – Festa de la Repubblica

2.6.18 – Festa de la Repubblica

***

E pe ‘na vorta che sento ‘sta Festa,

come pe un giorno novo p’er Paese,

novo Governo, co speranze e attese,

che nun s’aricordava più la testa.

***

Co l’occhi bene aperti a quali imprese

adesso sò chiamati e a chi contesta

io chiedo solo, poi fai la protesta,

aspetta, daje solo quarche mese.

***

Ché a cambià reggistro ce vò poco,

ma nun se pò pretenne che domani

già tutto torni apposto ar propio loco.

***

Ma ‘sto Governo oggi sa de balia,

che pò fà cresce tutti noi italiani,

evviva la parata, daje Italia !!!

***

Stefano Agostino

____________________________

***