Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di giugno 7, 2018

I sonetti romani,Romanamente

7 giugno 2018

Ar tempo de Roma antica

Ar tempo de Roma antica

***

Chissà com’era vive a Roma antica,

ar tempo de li dei e imperatori,

co li patrizzi, ch’ereno signori,

e li plebbei, più gente de fatica.

***

Co ‘na città ripiena de splennori,

che oggi, si sò ruderi, se dica,

senza ingegneri o architetti mica,

ch’han retto venti secoli d’onori.

***

Ar tempo de le bighe e li cavalli,

de li sesterzi e de schiavi e padroni,

de senatori che mó va a trovalli.

***

De leggi certe e giochi de leoni

e drappi rosso porporati e gialli

e a commannà gente co li cojoni.

***

Stefano Agostino

_____________________

***