Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di giugno 9, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

9 giugno 2018

Quanno sei triste

Quanno sei triste

***

Lo so che a vorte vince la tristezza,

te senti solo, spento, sfiduciato,

nun sai manco com’è ch’è capitato,

ma hai da passà ‘sto tempo de monnezza.

***

Nun c’è un amico che sappia er tuo stato,

ché te vergogni a dì ‘sta tua amarezza,

quanno che tutto attorno ce s’attrezza

pe ributtatte giù a guardà ar passato.

***

Avoja a dì così de fàtte forza,

‘gni vorta che lo senti ‘sto conzijo,

l’umore ancora peggio s’arintorza.

***

Beh, t’assicuro, è solo che un momento,

che passa e nun cercà più un nascondijo,

ma dillo quer che ciài, fuss’anche ar vento.

***

Stefano Agostino

__________________________

***