Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di giugno 10, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

10 giugno 2018

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e li scribbi”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e li scribbi”

***

Gesù era attorniato da la folla,

ner mentre che operava granni “segni”,

li scribbi co li còri come legni

diceveno come a emanà ‘na bolla …

***

… è satana che je dà ‘sti contegni,

ma Lui poi j’arispose: “Quale molla

cià satana a scaccià chi se l’accolla,

nun c’è sta regno che diviso regni”.

***

E continuava a dì che ‘gni peccato

anch’er più assurdo co un ber còre affranto,

sarà da Dio de certo perdonato.

***

Ma la bestemmia a lo Spirito Santo

de odià l’Amore e tutto quer ch’ha dato,

nun verà perdonata, manco a pianto.

 ***

Stefano Agostino

______________________________

***