Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di giugno 13, 2018

I sonetti romani,Romanamente

13 giugno 2018

Er concerto de Vasco

Er concerto de Vasco

***

So’ gonfio e stracco ormai de ‘gni emozzione,

in fonno a l’occhi l’eco der concerto

quello de Vasco (e de chi d’artri? Certo!)

e de ‘gni sòno e de ‘gni sua canzone.

***

Rimane come un senzo de deserto

quanno finisce come da copione,

co “Albachiara” e co l’ovazzione

de chi ha vissuto er tempo ito sverto.

***

Ma è un deserto ch’apre a li ricordi

de musica, colori e de parole

che dentro sovrappongheno li bordi.

***

L’immaggine de te, in testa er basco

le tue canzoni parteno da sole,

 pe ‘sto regalo dico GRAZZIE VASCO !!!

***

Stefano Agostino

___________________________

***