Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di luglio 5, 2018

I sonetti romani

5 luglio 2018

Nun risparmià un soriso

Nun risparmià un soriso

***

Nun lesinallo mai, dico, er soriso,

anche quanno te costa ‘na fatica,

perché lo devi fà a chi, poi, mica

se lo merita tanto quer tuo viso.

***

Ascorta questa mia parola amica,

nun trattenello mai pe te, quer riso

ch’hai da improntà pe sempre a l’improviso,

de còre e pieno e Dio te benedica.

***

Perché quela perzona a cui è rivorto,

che tu magara penzi nun lo vale,

si sta così è propio pe un risvorto …

***

… de chi ha vissuto sempre a inzeguì un sogno,

d’avé quarcuno che, de naturale,

je soridesse … e più ce n’ha bisogno.

***

Stefano Agostino

__________________________

***