Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di luglio 7, 2018

I sonetti romani

7 luglio 2018

Trilussa: L’onestà de mi’ nonna

trilussa - l'onestà de mi nonna

L’onestà de mi’ nonna

***

Quanno che nonna mia pijò marito,

nun fece mica come tante e tante,

che doppo un po’ se troveno l’amante …

Lei in cinquant’anni nun l’ha mai tradito.

****

Dice che un giorno un vecchio impreciuttito,

che je voleva fà lo spasimante,

je disse: “Ve arigalo sto brillante

se venite a pijavvelo in un sito”.

***

Un artra, ar posto suo, come succede,

j’avrebbe detto subbito: “Sò pronta”.

Mi’ nonna, ch’era onesta, nun ciagnede.

***

Anzi je disse: “Stattene lontano”.

Tanto che adesso, quanno l’aricconta,

ancora ce se mozzica le mano.

***

Trilussa

_______________

***