Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

13 maggio 2018

Dar Vangelo der giorno: l’Ascenzione

Dar Vangelo der giorno: l’Ascenzione

***

Mancava poco a l’Ascenzione in Cèlo,

quanno Gesù je disse ner saluto,

’na cosa granne a l’urtimo minuto,

che indentro a sé cià er senzo der Vangelo.

***

“Io sargo ar Padre, ma nun vo via muto,

anzi starò co voi fin pelo pelo,

ch’er monno tira giù a sipario er telo,

finirà er tempo co un chi ha avuto, ha avuto.

 ***

Potrete chiede ar Padre, in nome mio,

qualunque cosa, Lui ve darà ascorto,

fidateve e credeteme, so’ er Fìo.

 ***

V’aricordate che Io ero morto,

(no, dico morto ?!?) e Lui, da vero Dio,

er terzo giorno dopo m’ha risorto!”

 ***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Mancava poco a l’Ascenzione in Cèlo,
    quanno Gesù je disse ner saluto,
    ’na cosa granne a l’urtimo minuto,
    che indentro a sé cià er senzo der Vangelo. … (continua)

    Comment by Stefano — 1 giugno 2014 @ 06:47
  2. Speriamo che tutto ciò sia vero, anche se rimango scettico, la speranza in qualcosa di diverso dalla vita vissuta in questa terra mi dà speranza.

    Comment by CARLO PIGHI — 2 giugno 2014 @ 16:08
  3. Bonpomeriggio. Vorgarmente se dice che: er posto c’è, ma bisogna che t’o guadambi. Nu ce se deve adagia’ n’a speranza der perdono.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 8 maggio 2016 @ 15:58
  4. Gesù sale in Cielo, ma non ci lascia soli: “Io sarò con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”, ricordiamolo sempre!
    Buona Domenica.

    Comment by maria letizia — 13 maggio 2018 @ 13:29

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>