Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

27 maggio 2018

La Santissima Trinità

La Santissima Trinità

***

Capilla come pò fà un regazzino,

la Trinità ne le Sue tre perzone,

distinte e ar tempo stesso in communione,

dico quel’espressione d’Uno e Trino.

***

Ciariva er còre, mica la raggione,

pulito come quello d’un bambino,

pe cui è normale, è ovvio, er Trio divino,

è un Tre in totale e Uno in addizzione.

 ***

Da granne a l’occhio ch’ortre nun vò vede,

nun c’è argomento che lo spieghi, tanto

ce pòi arivà sortanto co la Fede.

 ***

È solo grazzie a Lei e a quer Suo impianto,

che pòi intuì un solo Dio in cui crede:

er Padre, er Fìo e lo Spirito Santo.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

  1. Capilla come pò fà un regazzino,
    la Trinità ne le Sue tre perzone,
    distinte e ar tempo stesso in communione,
    dico quel’espressione d’Uno e Trino. … (continua)

    Comment by Stefano — 22 maggio 2016 @ 09:05
  2. Bongiorno. Grande tema è l’argomento affrontato oggi dal sonetto, a cui, a suo tempo, ha risposto Sant’Agostino. Infatti, solo la purezza di un bambino può accettare, senza discutere, il dogma della SS.Trinità. L’uomanità adulta cerca di capirlo, ma ciò è impossibile per mente umana; troppo ristretta è la sua capienza al cospetto di tanta grandezza. Parafrasando, appunto, Sant’Agostino: ” Potrà mai, il mare, essere contenuto in un buco nella sabbia? “.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 22 maggio 2016 @ 10:53
  3. Il PADRE è DIO, il FIGLIO è il pensiero del PADRE, lo SPIRITO SANTO è L’AMORE DI DIO PADRE: è difficile da spiegare, ma come dici tu, ci vuole la Fede e il cuore!
    Buona Domenica.

    Comment by maria letizia — 27 maggio 2018 @ 13:08

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>