Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

11 marzo 2018

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Nicodèmo”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Nicodèmo”

 ***

Così Gesù je disse a Nicodèmo:

“Come Mosè a l’ebbrei innarzò er serpente,

così er Fìo de l’Omo pe ‘sta gente,

verà innarzato” , e er come lo vedremo …

***

“Perché chi crede in Lui e in Lui è presente,

nun va perduto e Io pe questo fremo

e so’ venuto, no pe batte er remo,

ma pe sarvà chi pecca, ma se pente.

***

“Dio”, disse, “infatti, ha tanto amato er monno,

da daje l’Uniggenito, Suo Fìo,

 mannato giù inzino a lo sprofonno, …

***

… mica pe condannallo a pagà er fio,

ma pe svejallo da l’oscuro sonno

der bujo der peccato e tornà a Dio”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Così Gesù je disse a Nicodèmo:
    “Come Mosè a l’ebbrei innarzò er serpente,
    così er Fìo de l’Omo pe ‘sta gente,
    verà innarzato” , e er come lo vedremo … (continua)

    Comment by Stefano — 15 marzo 2015 @ 07:55
  2. Il Vangelo di oggi ci ricorda che Gesù si è fatto crocifiggere per salvare il Suo popolo, cioè tutti noi! Cerchiamo di ricordarcelo!
    Buona Domenica.

    Comment by maria letizia — 11 marzo 2018 @ 11:37

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>