Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

25 maggio 2017

Er male fatto

bene e male

Er male fatto

******

Chi fa der male, fatto in corpo e mente,

no quello che pò fà senza volello,

lo dico come fusse mi’ fratello,

lo paga, prima o dopo o ner presente.

***

Non tanto perché pò finì ar Burello,

che fórze je ne frega poco o gnente,

ma er male fatto in danno a l’artra gente,

ricasca addosso in vita e senza appello.

***

Ce pòi nun crede, nun pretenno mica,

da fàtte cambià er modo der penziero,

e chiudi qui, arisparmia ‘sta fatica.

***

Si invece penzi che io sto a dì er vero

e che ‘sta voce te pò èsse amica,

tu daje retta e tigni rosa er nero.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Chi fa der male, fatto in corpo e mente,
    no quello che pò fà senza volello,
    lo dico come fusse mi’ fratello,
    lo paga, prima o dopo o ner presente. … (continua)

    Comment by Stefano — 25 maggio 2017 @ 08:27
  2. Arriverà il momento della resa dei conti e bisognerà pagare per tutte le malefatte.
    Buona Giornata!

    Comment by letizia — 25 maggio 2017 @ 09:08
  3. Bongiorno. Essenno stato battezzato e educato ar cattolicesimo, so’ portato a crede ‘n quell’ardilà de giustizia. Certe vòrte me soffermo ner penziero che potrebbe nun esse’ vero e, ‘nfatti, me domanno: ma se alti prelati, studiosi de teologia, compieno misfatti a josa, fregannosene de l’Inferno o der Paradiso; esisterà davvero sta Giustizia Divina?
    Continuo a segui’, ner possibbile, li dettami der Vangelo ma, certe vòrte, me vie’ da penza’ che so’ ‘n fesso.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 25 maggio 2017 @ 11:16

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>