Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

17 maggio 2018

Er giovedì

Er giovedì

***

Er giovedì, qui a Roma, vor dì gnocchi,

co le patate o cor semolino,

er gusto, intanto, resta sopraffino,

pe panza, gola, naso, bocca e occhi.

 ***

È er giorno che da quanno ch’è matino,

ar mezzo de li dodici rintocchi,

a sera, a cena, a l’ora che t’abbiocchi,

der fine settimana lui è er postino.

 ***

’Na vorta a l’anno se traveste in “grasso”,

quanno che poi, se sa, ’gni scherzo vale,

e un due de picche un giorno pò fà l’asso.

 ***

Prima de Pasqua è “Santo”, e menomale,

ma a chi je piace più er profilo basso,

l’apprezza mejo quanno ch’è normale…

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Er giovedì, qui a Roma, vor dì gnocchi,
    co le patate o cor semolino,
    er gusto, intanto, resta sopraffino,
    pe panza, gola, naso, bocca e occhi. … (continua)

    Comment by Stefano — 25 febbraio 2016 @ 08:12
  2. Pe me li mejio so’ quelli ar pomodoro fresco co ‘na foja de basilico e ‘na sporverata de parmiggiano. Semprici, legeri e ….. gustosi. Er bello de li gnocchi de patate, è che li pò magna pure chi nun tie’ più li denti.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 25 febbraio 2016 @ 14:42
  3. Giovedì è morbido, benevolo, accomodante, è un sorriso complice, è l’inizio della dolce discesa che conduce al fine settimana e gli gnocchi piatto del giorno è tradizione solo romana, sconosciuta nel resto della penisola.

    Comment by Silvio — 17 maggio 2018 @ 09:58
  4. Purtroppo, da quando mia suocera ci ha lasciato, non li ho più mangiati, lei li faceva così buoni…..!!!
    Buona Giornata e buona mangiata.

    Comment by maria letizia — 17 maggio 2018 @ 12:36

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>