Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

10 maggio 2018

Basta ‘na vocale

Basta ‘na vocale

***

A vorte co ‘na semprice vocale

se aribbarta er senzo a ‘na parola,

ché abbasta de invertinne una sola

p’avé un significato letterale.

***

Esempio che nun ha da èsse scòla,

ma rènne chiaro er cambio ch’è fatale

è dato da la “O” o “U”, a canale,

a un verbo che a seconna attera o vola.

***

Nun è questione frivola e minuta,

anzi simmai fa ‘na perzona accorta

de chi cià intorno, quanno parla o è muta.

***

Infatti ben diverzo è dì “sUpporta”,

che sta a indicà chi te spalleggia e aiuta,

dar cambio a cui je pesi e te “sOpporta”.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. A vorte co ‘na semprice vocale
    se aribbarta er senzo a ‘na parola,
    ché abbasta de invertinne una sola
    p’avé un significato letterale. … (continua)

    Comment by Stefano — 3 giugno 2016 @ 08:42
  2. Infatti è propio er caso de chi sUpporta co’ fervore ‘a Roma, ma je riesce insopportabbile de sOpporta’, come “capitolini, ‘a lazio e li tifosi laziali!

    Comment by Romamor ASR'29 — 10 maggio 2018 @ 08:46
  3. Eh sì, spesso i piccoli dettagli nascondono differenze sostanziali…

    Comment by Silvio — 10 maggio 2018 @ 08:47
  4. A volte basta una virgola per cambiare completamente una frase: Potenza della Lingua Italiana!
    Buona Giornata.

    Comment by maria letizia — 10 maggio 2018 @ 13:19

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>