Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

13 giugno 2018

Er concerto de Vasco

Er concerto de Vasco

***

So’ gonfio e stracco ormai de ‘gni emozzione,

in fonno a l’occhi l’eco der concerto

quello de Vasco (e de chi d’artri? Certo!)

e de ‘gni sòno e de ‘gni sua canzone.

***

Rimane come un senzo de deserto

quanno finisce come da copione,

co “Albachiara” e co l’ovazzione

de chi ha vissuto er tempo ito sverto.

***

Ma è un deserto ch’apre a li ricordi

de musica, colori e de parole

che dentro sovrappongheno li bordi.

***

L’immaggine de te, in testa er basco

le tue canzoni parteno da sole,

 pe ‘sto regalo dico GRAZZIE VASCO !!!

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Sò gonfio e stracco ormai de ‘gni emozzione,
    in fonno a l’occhi l’eco der concerto
    quello de Vasco (e de chi d’artri? Certo!)
    e de ‘gni sòno e de ‘gni sua canzone. … (continua)

    Comment by Stefano — 27 giugno 2016 @ 08:56
  2. Noi siamo la generazione Vasco, quella che l’ha visto nascere artisticamente e seguito per tutta la sua lunghissima carriera di successi straordinari. L’Italia è anche questa, un fenomeno come lui in Francia o Germania non sarebbe mai nato e noi ce lo teniamo stretto!

    Comment by Silvio — 13 giugno 2018 @ 10:21
  3. I nostri cantautori sono qualcosa di straordinario: non ce ne sono così in tutto il mondo! Grande Vasco: da “Una vita spericolata” (che a Sanremo è stata boicottata dai soliti bacchettoni) ad oggi sono stati tutti grandi successi!
    Buon Pomeriggio!

    Comment by maria letizia — 13 giugno 2018 @ 13:41

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>