Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

19 giugno 2018

Artri monni

Artri monni

***

In fonno che ce vò, stanno qua dietro,

de anni luce sò appena quaranta,

è l’urtima scoperta che ce ‘ncanta,

d’avé de l’artre Tere appena a un metro.

***

Quaranta in anni luce pare tanta,

ma confrontata ar Cosmo è appena addietro,

è come si ce separasse un vetro,

un’artra Tera che la vita vanta.

***

Me immaggino ‘na Tera a noi gemella,

a un attimo da qui in tempi da spazzio,

co un’artra Luna e er Sole come stella.

***

E ommini anche lì … e Dio aringrazzio,

nun semo soli, ma un dubbio scervella:

“Nun è che pure là ce sta la Lazzio?”

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. In fonno che ce vò, stanno qua dietro,
    de anni luce sò appena quaranta,
    è l’urtima scoperta che ce ‘ncanta,
    d’avé de l’artre Tere appena a un metro. … (continua)

    Comment by Stefano — 23 febbraio 2017 @ 08:36
  2. Certo, se si pensa allo spazio infinito che ci circonda si perde la testa e chissà se sapremo mai qualcosa di tutto questo?! La seconda terzina è un capolavoro!
    Buona Giornata!

    Comment by maria letizia — 19 giugno 2018 @ 10:32
  3. Con la sua intelligenza “finita”, misurabile, limitata, l’uomo non comprenderà mai l’infinità dell’Universo, può solo stupirsi di fronte al miracolo della Creazione.

    Comment by Silvio — 19 giugno 2018 @ 10:46

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>