Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

12 giugno 2017

E anche stanotte se dormirà domani

E anche stanotte se dormirà domani

***

Comincia già a fà callo e pure forte

de quelli a stampo d’Africa de foco,

che nun se trova un posto fresco, un poco,

nemmeno a aprì finestre, spazzi e porte.

***

De quelli che nun sò come un ber gioco

ch’è bello a durà poco e a vorte,

ma che bene che va, si è bona sorte,

dureno sette giorni pressappoco.

***

“È er tempo suo, che ce vòi fà?” – Gnente!

Ma grazzie ar cazzo, penzo, tu stai ar mare,

nun devi lavorà … no, chi te sente…

***

… e anche stanotte co afa e zanzare

se dormirà domani … si ciài presente,

che stai in vacanza e fai come te pare. 

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Comincia già a fà callo e pure forte
    de quelli a stampo d’Africa de foco,
    che nun se trova un posto fresco, un poco,
    nemmeno a aprì finestre, spazzi e porte. … (continua)

    Comment by Stefano — 12 giugno 2017 @ 03:20
  2. Per quanto mi riguarda continuo a ripetere: W L’ESTATE, sempre e comunque!

    Comment by Silvio — 12 giugno 2017 @ 09:22
  3. M’associo ar “Wiva l’ESTATE. Si te fa callo a casa, sòrti fòra e, prima de ‘sci’, dai ‘na bella spruzzata de antizànzàra pe’ tutta casa e attoppi bene finestre e porte. Quanno arientri, dai aria e richiudi subbito ‘e finestre.
    DU NOTE DE PRATICA

    Comment by 'svardo AsR'29 — 12 giugno 2017 @ 10:38
  4. Anche se fa caldo e ci sono le zanzare, io dico viva l’estate: abiti leggeri, sandali, il bucato che si asciuga subito, pane e pomodoro… ecc.ecc.
    Buona Giornata!

    Comment by letizia — 12 giugno 2017 @ 11:21

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>