Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Poesie romaniste

13 giugno 2017

Bentornato DiFra

Bentornato DiFra

***

È er giorno suo, de Eusebio Di Francesco,

ritorna in de ‘sti lidi benedetti,

in artri panni, ma sempre perfetti,

de allenatore tutto novo e fresco.

***

Succede a l’interista sor Spalletti,

che se n’è ito via in modo grottesco,

che commentallo come nun ce riesco,

senza infarcì d’epiteti diretti.

***

Ma quella de Luciano ormai è già storia,

se cambia ormai reggistro e semo pronti

a sostené chiunque viè a Trigoria.

***

Senza rivalità, senza confronti,

che ponno trovà spazzio a la memoria

de chi nun se contorna de orizzonti.

***

Stefano Agostino

***

  1. È er giorno suo, de Eusebio Di Francesco,
    ritorna in de ‘sti lidi benedetti,
    in artri panni, ma sempre perfetti,
    de allenatore tutto novo e fresco. … (continua)

    Comment by Stefano — 13 giugno 2017 @ 08:24
  2. Speriamo che si apra una nuova era, meno gonfia di veleni e polemiche…

    Comment by Silvio — 13 giugno 2017 @ 09:56
  3. Ogni anno abbiamo un allenatore nuovo: prima o poi troveremo quello giusto. Con speranza.
    Buona Giornata!

    Comment by letizia — 13 giugno 2017 @ 13:20
  4. caro Silvio, certamente Spalletti è uomo fumantino ma bisogna ammettere che la stampa/radio romane hanno fatto di tutto per spostare la discussione verso la polemica e i veleni. La polemica è inevitabile se, di fronte a grandissime vittorie come a casa del Milan 1-4 la prima domanda era: ma perchè non è entrato Totti? Ecco, una domanda del genere la fa uno che non sa niente oppure uno che vuole aizzare polemiche.
    Benvenuto a Di Francesco, il miglior augurio che gli si possa fare è ricevere un trattamento migliore da parte della stampa.
    Proviamo a rammentare gli allenatori passati: Luis Enrique è scappato a causa delle polemiche, in un anno a Roma è invecchiato di 10 anni. Zeman era più impermeabile, ma i risultati non c’erano. Garcia ha iniziato bene ma poi la stampa gli ha fatto guerra, alla fine le conferenze erano con “la lingua di legno” per dirla alla francese. Di Spalletti la memoria è recente, il suo punto debole è la sincerità e la vis polemica e i media hanno fatto di tutto per mandarlo via creando un clima di contrapposizione con Totti. Di sicuro, sarà difficile con Di Francesco o chiunque altro fare il record di punti di Spalletti.

    Comment by Pablo BigHorn — 13 giugno 2017 @ 17:01
  5. Meno masle che c’è qualcuno las vede giusta. Grazie Pablo BigHorn. Secondo me c’era anche uno interessatto ad aizzargli contro la stampa. L’ho sempre vista cosi da quando Spalletti andò via l’altra volta. Non faccio nomi, ma chi capisce intenderà.

    Comment by Romamor AsR'29 — 14 giugno 2017 @ 16:17

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>