Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

15 giugno 2017

A Londra ne l’inferno de cristallo

A Londra ne l’inferno de cristallo

***

A Londra ne l’inferno de cristallo,

nun c’era un set, nun c’erano l’attori,

né scene scritte e manco doppiatori,

né macchine da presa pe firmallo.

***

C’ereno fiamme arte e forti odori

de foco e fumo e nun riuscì a domallo,

co la struttura che brilla de un giallo

che sa de morte tra atroci dolori.

***

Ce stanno pure loro, Gloria e Marco,

du’ veneti, regazzi, fidanzati,

finiti dentr’ar rogo e senza un varco.

***

Du’ còri uniti che se sò spezzati,

li immaggino felici in quarche parco,

ancora inzieme vivi e abbraccicati.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. A Londra ne l’inferno de cristallo,
    nun c’era un set, nun c’erano l’attori,
    né scene scritte e manco doppiatori,
    ne macchine da presa pe firmallo. … (continua)

    Comment by Stefano — 15 giugno 2017 @ 08:35
  2. Povera gente……speriamo nel buon Dio che si siano salvati tutti i dispersi

    Comment by Laura — 15 giugno 2017 @ 08:44
  3. Spero che sieno vivi e che sia ‘n bongiorno pure pe’ loro. E’ ‘mpossibbile mori’ a sto modo e vale pe tutti. Penso a l’angoscia dei famigliari, parenti e conoscenti.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 15 giugno 2017 @ 09:53
  4. Di fronte a queste tragedie c’è solo frustrazione, rabbia e tanto dolore!

    Comment by Silvio — 15 giugno 2017 @ 10:30
  5. Sembra incredibile che in un’era tecnologica possano accadere cose così terribili da non riuscire a fronteggiare.

    Comment by letizia — 15 giugno 2017 @ 11:34

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>