Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Clip art

17 giugno 2017

Il videosonetto del sabato – La Luna

***

***

  1. De vorte nun ce ne sta manco una,
    che arzo l’occhi ar cèlo a tarda sera,
    senza inchinamme a te, la condottiera,
    der firmamento intero che s’abbruna.

    Radiosa e tonna pari ’na specchiera,
    quanno sei piena e er cosmo in te s’aduna,
    ispiri amori e sogni de fortuna,
    si cresci o cali fino a fatte nera.

    Er Sole te corteggia e tu arrosisci,
    lo fai impazzì quer pòro innammorato,
    quanno ch’ariva lui, prenni e sparisci.

    Ma verrà un giorno, certo, in der Creato,
    che tu te scioji e dorce te l’allisci,
    tenennotelo stretto abbracciato

    Comment by Stefano — 17 giugno 2017 @ 06:33
  2. Inimmaginabile sonetto, che vede l’astro Sole specchiarsi nella Luna, facendone due innamorati. Di fronte alla tanta poesia dell’abbraccio finale, il mio pensiero corre al terrore di lo vivrà.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 17 giugno 2017 @ 16:21
  3. Il pensiero del giorno. L’ultimo bel ricordo, che chissà quando verrà rinnovato.

    Comment by Romamor AsR'29 — 17 giugno 2017 @ 16:24

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>