Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

17 settembre 2017

Dar Vangelo der giorno: “settanta vorte sette”

Dar Vangelo der giorno: “settanta vorte sette”

***

Pietro chiese a Gesù: “Rabbì, Signore,

si mi’ fratello me fa un torto in sorte,

io l’ho da perdonà, ma quante vorte?

Sò fin’a sette? Dimme, fà er favore”.

***

Gesù je disse: “Pietro, braccia corte,

settanta vorte sette e cor còre,

si vòi ch’er Padre cor Suo granne amore

perdoni anche te, fin’a la morte.

***

Nun fà come quer servo che ar padrone

doveva daje tanto e fu abbonato,

ma lui, nun fece uguale ar suo garzone.

***

Ché poi er Padrone, quanno l’ha sgamato,

j’ha fatto ingurgità ar gargarozzone

tutto quer che j’aveva condonato”.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Pietro chiese a Gesù: “Rabbì, Signore,
    si mi’ fratello me fa un torto in sorte,
    io l’ho da perdonà, ma quante vorte?
    Sò fin’a sette? Dimme, fà er favore”. … (continua)

    Comment by Stefano — 17 settembre 2017 @ 08:28
  2. Il perdono è la virtù dei forti: perdonare certi torti è molto difficile.
    Buona Domenica!

    Comment by letizia — 17 settembre 2017 @ 12:18

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>