Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

5 novembre 2017

Dar Vangelo der giorno: “nun fate come scribbi e farisei”

Dar Vangelo der giorno:

“nun fate come scribbi e farisei”

 ***

Gesù je disse allora: “Praticate,

quer che dicheno scribbi e farisei,

ma ne l’agì nun je fate cortei,

ché nun sapete mica che je fate.

***

Sò oratori bravi, da trofei,

ma quanto a fà, nun ce sorfeggia un vate

pe ariccontà de le parole date,

fardelli più pe l’artri e pe babbei.

***

Vonno l’ammirazzione de la gente,

allungheno le frange e er primo seggio

sempre ha da èsse er loro solamente.

***

Nun fate come loro e abbiate a freggio

de stà a chiamà pe “padre” unicamente

er Padre vostro … er vostro granne preggio”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Gesù je disse allora: “Praticate,
    quer che dicheno scribbi e farisei,
    ma ne l’agì nun je fate cortei,
    ché nun sapete mica che je fate. … (continua)

    Comment by Stefano — 5 novembre 2017 @ 07:33
  2. Altra forte esplicitazione del Santo Vangelo. Tenere sempre presente chi è il “Padre Nostro”.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 5 novembre 2017 @ 13:58
  3. I tempi sono sempre uguali: chi governa arraffa e si arricchisce, il popolo, invece, subisce. Noi confidiamo nel nostro Padre Celeste!
    Buon pomeriggio domenicale!

    Comment by letizia — 5 novembre 2017 @ 15:40

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>