Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

8 novembre 2017

Le elezzioni in Sicilia

Le elezzioni in Sicilia

***

Er brutto de ‘ste urtime elezzioni,

è arivedé facce da preistoria,

risuscitate in cerca un po’ de gloria,

come a li vecchi tempi magnaccioni.

***

Un popolo che nun cià più memoria,

che manna a governà li parucconi,

presente ce n’ha poco a èsse boni,

ma p’er futuro vò magnà cicoria.

***

Ne l’arternanza de facce da bronzo

ner pennolo che va a sinistra e destra,

me sento un po’ un asceta, come un bonzo.

***

Me metto a guardà qui da la finestra,

in cerca de scrutà er novo stronzo,

venuto pe ‘mpiattasse la minestra.

 ***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Er brutto de ‘ste urtime elezzioni,
    è arivedé ‘ste facce da preistoria,
    risuscitate in cerca un po’ de gloria,
    come a li vecchi tempi magnaccioni. … (continua)

    Comment by Stefano — 8 novembre 2017 @ 05:39
  2. Sono così nauseato da questo Paese che se potessi me ne andrei immediatamente senza minimamente voltarmi indietro e senza volerne sapere più nulla! E non vedo l’ora che arrivi quel momento…

    Comment by Silvio — 8 novembre 2017 @ 09:42
  3. Che vergogna! Tutte minestre acide riscaldate: uno schifo totale! Sto seriamente pensando di espatriare, però, anche data la mia età, io senza ROMA non ci so stare.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 8 novembre 2017 @ 11:55
  4. Fòri uno e pinocchietto, sorpreso, s’arrabbia, ner mentre arisorge l’ammucchiata cor cavajere a destra. Come previsto …. ‘na schifezza!!!!

    Comment by 'svardo AsR'29 — 8 novembre 2017 @ 13:20

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>