Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

9 novembre 2017

Amicizzia “a cerino”

Amicizzia “a cerino”

***

Nun ce sta ar monno gnente de più finto,

de un’amicizzia da chiamà “a cerino”,

quanno s’accenne pare fà un casino,

ma poi se smorza ar soffio de un istinto.

***

Sto a dì de chi te ‘ncontra ner destino

e de seconno ce ne impiega un quinto,

pe diventà tuo amico e t’ha convinto,

co quarche bella frase da lecchino.

***

Ma appena ch’ha raggiunto l’obbiettivo,

e t’ha sfruttato come j’è piaciuto,

s’è già scordato che si ancora è vivo …

***

… lo deve a te, ma quer cerino muto

s’è spento già, lassannote a l’attivo

un senzo amaro in bocca ch’è da sputo.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Nun ce sta ar monno gnente de più finto,
    de un’amicizzia da chiamà “a cerino”,
    quanno s’accenne pare fà un casino,
    ma poi se smorza ar soffio de un istinto. … (continua)

    Comment by Stefano — 9 novembre 2017 @ 05:47
  2. Amicizie “da cerino” ne ho avute abbastanza, infatti non ho più amicizie, ma solo conoscenze!
    Buona Giornata

    Comment by letizia — 9 novembre 2017 @ 11:01
  3. L’amicizia una cosa importante e molto profonda, la sua forza sta nella perseveranza, nella continuità. E’ una cosa difficile da trovare, una perla molto rara.

    Comment by Silvio — 9 novembre 2017 @ 11:24
  4. Ne tengo tre de belle Amicizie, de quelle co l’A maiuscola; artre so’ conoscenze pe ‘n caffè, ‘n saluto e quarche … come t’a passi? Tutto perché, da ‘na cosa che me pareva amicizia ho rischiato de becca’ ‘na fregatura colossale. Meno male cho l’ho sgamata ‘n tempo. Sto fijo de …. ‘na madre e cento padri!

    Comment by 'svardo AsR'29 — 9 novembre 2017 @ 16:17

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>