Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

12 novembre 2017

Dar Vangelo der giorno: “le dieci vergini”

Dar Vangelo der giorno: “le dieci vergini”

***

C’ereno dieci vergini lì pronte

pe annà de fretta incontro ar loro sposo,

ch’era in ritardo e in modo sospettoso

nun se vedeva manco a l’orizzonte.

***

Le dieci s’addormirono e er riposo

durò fin quanno un grido come ar fronte,

a mezzanotte le svejò e la fonte

era lo sposo a arivà festoso.

***

Sortanto cinque vergini a quer punto,

co l’olio ne le lampade, da sagge,

poterono incontrallo sopraggiunto.

***

Le artre cinque, ar buio pesto e losco,

tardarono pe l’olio e come gagge,

lo sposo le gelò: “Nun ve conosco”.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. C’ereno dieci vergini lì pronte
    pe annà de fretta incontr’ar loro sposo,
    ch’era in ritardo e in modo sospettoso
    nun se vedeva manco a l’orizzonte. … (continua)

    Comment by Stefano — 12 novembre 2017 @ 07:51
  2. Questo Vangelo ci esorta ad essere sempre “svegli”, perché nessuno conosce il giorno e l’ora dell’ultima chiamata!
    Buona Domenica.

    Comment by letizia — 12 novembre 2017 @ 11:17
  3. Si, er problema è propio questo: de esse’ sveji quanno ariva l’ora d’a gran dormita. Si ce addormimo prima, ce sta er rischio de seguita’ a dormi’ male. Quanno er padrone ariva, vòle vede ‘a lanterna accesa ar cancello, pe potesse mejo orizzonta’.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 12 novembre 2017 @ 13:43

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>