Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

5 dicembre 2017

Tirà o spigne

Tirà o spigne

***

Credevo d’èsse l’unico qui ar monno,

che avanti a porte da “tirà o spigne”

‘gni vorta ha da penzà e er cervello strigne

a concentrasse in quer nanoseconno.

***

Ché si la mente tosto me sospigne

a dì ch’ho da tirà o spigne a fonno,

regolarmente er corpo fa da tonno

tutt’er contrario … e ce sbatte e intigne.

***

Invece me so’ accorto che ‘st’impiccio

che manna in confusione zucca e braccia,

capita a tanti e in modo assai massiccio.

***

Ché spesso poi de danni nun c’è traccia,

ma a vorte sì e lì me raccapriccio,

a quanno prennerò ‘na porta in faccia.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Credevo d’èsse l’unico qui ar monno,
    che avanti a porte da “tirà o spigne”
    ‘gni vorta ha da penzà e er cervello strigne
    a concentrasse in quer nanoseconno. … (continua)

    Comment by Stefano — 5 dicembre 2017 @ 06:00
  2. Bongiorno. Hahahahahahaha!!! Nun ce crederai, ma m’è successo. Menomale ch’a botta nun è stata violenta.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 5 dicembre 2017 @ 06:43
  3. Mi succede spesso di dover pensare un attimo prima di aprire la porta, e stare attenta a non darmela in faccia! Sembra tanto facile, ma non è così!
    Buona Giornata!

    Comment by letizia — 5 dicembre 2017 @ 10:39

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>