Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

7 dicembre 2017

Viggija de un giorno de festa

Viggija de un giorno de festa

***

Viggija, come sempre pe ‘gni festa,

pe assaporà de gusto er giorno appresso,

rigala già un momento prima stesso

er senzo de la gioia che s’appresta.

***

L’attesa der piacere è un compromesso

tra vive er tempo quanno ariva e desta,

e aspettallo, che te batte in testa

co un senzo de godesselo compresso.

 ***

Pe ‘sto motivo ‘gni viggilia è bella

co quela borza piena d’emozzioni

che porta addietro si fa capoccella.

***

Un sabbato che rime e che canzoni

hanno cantato pe aspettà la stella

der giorno dopo, tra tante mijoni.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

  1. Viggilia, come sempre pe ‘gni festa,
    pe assaporà de gusto er giorno appresso,
    rigala già un momento prima stesso
    er senzo de la gioia che s’appresta. … (continua)

    Comment by Stefano — 7 dicembre 2017 @ 06:05
  2. Oggi, vigilia per tre giorni di festa!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 7 dicembre 2017 @ 10:40
  3. Bongiorno. Ecco qual’è ‘n ponte bòno, mejo de qauello de Trajano: Un govedì de vigija che poi, p’arcune perzone, acchiappa 3 giorni lontani da l’odioso lavoro. Aoh, semio o nun semio romani?! Pe chi ce la fa, sarebbe d’anna’ a vede’ ‘a Roma a Verona e fasse pure ‘na pappata de specialità locali ortre a divertisse co ‘a neve. DAJE SEMPRE FORZA ROMA!!!

    Comment by 'svardo AsR'29 — 7 dicembre 2017 @ 11:04

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>