Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

5 febbraio 2018

Si se potesse fà

Si se potesse fà

***

Nun è che se potrebbe avé ‘no sconto?

‘Gni tanti lunedì, uno nun passa,

nun viè, si sarta er turno, a noi ce lassa,

senza fasse rimpiagne e senza affronto.

***

‘Nun dico sempre … hai da pagà ‘sta tassa,

ma armeno uno ar mese abbassa er conto,

restrigne tutti l’artri … io so’ pronto

a fà ‘na prova a resistenza bassa.

***

Fussi un politicante de promesse

sarebbe ner programma elettorale,

“ve torgo er lunedì”, faccio scommesse …

***

… che tanto ce sta chi a cazzate uguale

le spara da decenni, quelle stesse,

e ancora che sta là a rompe le … pale.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Nun è che se potrebbe avé ‘no sconto?
    ‘Gni tanti lunedì, uno nun passa,
    nun viè, si sarta er turno, a noi ce lassa
    senza fasse rimpiagne e senza affronto.

    Comment by Stefano — 5 febbraio 2018 @ 04:32
  2. Bella proposta, quella d’aboli’ ‘n lunedì a r mese; magara creanno, pe’ gennaio ‘na settimana co due martedì, pe’ febbraio co’ due mercordì e cosi de seguito. Armeno ‘na vòrta ar mese ‘a sera de domenica nun penzi: “porca pupazza domani è lunedì!”.

    Comment by 'svardo — 5 febbraio 2018 @ 08:09
  3. Per eliminare il lunedì bisogna prima eliminare il giorno precedente, cioè la domenica, e non so se conviene, e allora si potrebbe cambiargli il nome e chiamarlo sabato: allora si che sarebbe sempre festa!
    E dopo aver detto tutte queste sciocchezze auguro a tutti Buona Settimana!

    Comment by letizia — 5 febbraio 2018 @ 11:00

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>