Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

6 febbraio 2018

Sanremo

Sanremo

***

P’uscì dar quadro de Romolo e Remo,

ché er fiume prima o dopo sfocia in mare,

senza sortì dar monno popolare,

tocca conziderà che c’è “Sanremo”.

***

Er Festival che a la fine, pare,

cià un pubbrico che a raggionà a l’estremo,

è anche di chi te dice: “E che so’ scemo?”,

Io nun l’ho visto”, ma sa purci e tare.

***

Er fatto è che fa parte de la storia

e ciaricconta in fonno ‘sta nazzione,

a cui je presta un pezzo de memoria.

***

Così se pò parlà, a torto o a raggione,

 de pàrco, inviti, orchestra e graduatoria,

e de che artro?  Già … de la canzone.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. P’uscì dar quadro de Romolo e Remo,
    ché er fiume prima o dopo sfocia in mare,
    senza sortì dar monno popolare,
    tocca conziderà che c’è “Sanremo”. … (continua)

    Comment by Stefano — 6 febbraio 2018 @ 05:50
  2. Ero ragazzina quando seguivo il festival. Ormai sono tanti anni che non lo seguo più, anche se devo dire che certe canzoni sono belle, anche se non hN vincevano.

    Comment by letizia — 6 febbraio 2018 @ 11:26
  3. Ho fatto un pasticcio, pazienza e Buona Giornata.

    Comment by letizia — 6 febbraio 2018 @ 11:31
  4. Letizia, ne approfitto per ringraziarti. Non lo faccio quasi mai, ma è bello invece che scrivi sempre, che commenti e che ci sei. Grazie di cuore.

    Comment by Stefano — 6 febbraio 2018 @ 18:30

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>