Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

5 marzo 2018

Gnente giochetti

Gnente giochetti

***

Che nun se faccia er solito giochetto

de ‘mpapocchià l’esito elettorale,

co le maggìè de fama nazzionale

pe ariggirà ‘sto voto e ‘gni suo effetto.

***

Che nun se faccia crede naturale

che chi ha stravinto e er popolo l’ha eletto,

(ché solo questo è stato poi er verdetto),

nun viè chiamato poi dar Quirinale.

***

Ché nun ce se cojoni co l’Europa

co coalizzioni assurde e larghe intese

co chi ce inciucia pure a giocà a scopa.

***

Ché l’italiani sanno èsse boni

ma nun ce stanno più a pagà le spese,

e se sò rotti tutti li cojoni.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Che nun se faccia er solito giochetto
    de ‘mpapocchià l’esito elettorale,
    co le maggìè de fama nazzionale
    pe ariggirà ‘sto voto e ‘gni suo effetto. … (continua)

    Comment by Stefano — 5 marzo 2018 @ 21:26
  2. Sò proprio curioso de vedè come se esce da ‘sto vicolo cieco!

    Comment by Silvio — 6 marzo 2018 @ 10:15
  3. Difficile da arisrove er dilemma. Nisuno se vo’ apparenta’ cor Pentastelle, che chiede d’approva’ er suo programma, senza se e senza ma. Er Quirinale dice che nun vòle ‘nciuci. Staremo a vede’ quer che succede. Me sa che tocca aritorna’ all’urne.

    Comment by 'svardo — 6 marzo 2018 @ 13:49
  4. Quant’è vero il sonetto di oggi! Io da questi ladroni m’aspetto sempre il peggio! Vuoi vedere che andremo a votare di nuovo? Staremo a vedere.
    Buona Giornata.

    Comment by maria letizia — 6 marzo 2018 @ 13:57

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>